BABYSITTER, COLF E BADANTI DURANTE EMERGENZA CORONAVIRUS

Visite: 2296

Ferie, permessi e recuperi: tutto quello che ti serve sapere per queste settimane di emergenza.

In questi giorni, viste le indicazioni sul contenimento del Coronavirus, molti datori di lavoro ci stanno contattando per chiederci informazioni su come gestire i loro lavoratori domiciliari. Di seguito vi riportiamo alcuni quesiti e le nostre proposte.

Posso non far venire al lavoro la propria baby-sitter, colf o badante?

Purtroppo al momento, a meno che il governo non disponga un apposito decreto, dobbiamo attenerci a quanto previsto dal contratto nazionale di riferimento ovvero concordare con il lavoratore ferie, permessi retribuiti, permessi non retribuiti.

Suggeriamo, visto il particolare momento, che tra il datore di lavoro e il lavoratore si arrivi ad un accordo tra le parti che dovrà avvenire per scritto e firmato da entrambi. Si può proporre ad esempio al lavoratore 5 giorni di ferie, più  7 di permessi non retribuiti, più 5 di permessi retribuiti. I permessi retribuiti sono pagati dalla famiglia al 100% e il lavoratore continua a maturare ferie durante questi periodi a differenza del permesso non retribuito.

La mia badante non vuole venire al lavoro? cosa devo fare?

Visto il particolare momento non possiamo imporre al lavoratore di presentarsi sul luogo di lavoro. Suggeriamo un accordo tra le parti da redigere per iscritto concordando con il lavoratore ferie, permessi retribuiti, permessi non retribuiti.

Posso far recuperare le ore  fatte in questo periodo al mio collaboratore familiare?

È possibile far recuperare tali ore solo per i contratti di lavoro in regime di part-time.

Posso imporre ferie al dipendente durante l'emergenza coronavirus? 

No, questo non è possibile. Il periodo di ferie deve essere sempre concordato tra le parti. Consigliamo pertanto di parlarne con il lavoratore e di trovare un accordo. Nel caso che il lavoratore accetti che gli venga accordato un periodo di ferie si dovrà procedere con il redigere un documento per iscritto.

Posso sospendere dal lavoro il collaboratore familiare durante l’emergenza del Coronavirus?

Il datore di lavoro può avvalersi della sospensione di lavoro extraferiale, disciplinata dal contratto nazionale di categoria. Durante le sospensioni del lavoro extraferiali, per esigenze del datore di lavoro, sarà corrisposta al lavoratore la retribuzione globale di fatto, ivi compreso, nel caso di lavoratore che usufruisca del vitto e dell’alloggio, il compenso sostitutivo convenzionale, sempreché lo stesso non usufruisca durante tale periodo di dette corresponsioni. Tale sospensione, ad esempio, può avere la classica durata della quarantena di due settimane. Per il collaboratore domestico si presenta come un ulteriore periodo di ferie pagate dalla famiglia presso la quale lavora.

Il mio collaboratore familiare vuole assentarsi dal lavoro per paura di contagiarsi, posso licenziarlo?

Se il datore non avverte una situazione di rischio ma il collaboratore familiare decide di assentarsi comunque dal lavoro per paura, è possibile ricorrere al licenziamento. E’ doveroso comunque rappresentare il rischio per il datore di lavoro che se non dovesse informare il collaboratore domestico dei rischi esistenti nell’ambiente di lavoro e, per esempio, la colf dovesse rimanere contagiata da Coronavirus nell’ambito delle sue mansioni, sarebbe molto probabile che la lavoratrice avesse tutte le carte in regola per presentare una causa di lavoro.

Deve essere fatto l'accordo per questo periodo di emergenza?

Innanzitutto l'accordo deve essere tassativamente per iscritto. L'accordo deve essere firmato sia dal datore di lavoro che dal lavoratore.

In questo periodo di emergenza suggeriamo a tutti di non inasprire i rapporti con i propri collaboratori familiari e di usare il buon senso. Consigliamo le famiglie di non imporre al lavoratore il permesso non retribuito e per lavoratori conviventi, di riconoscere quanto dovuto nel caso in cui il lavoratore accetti di non allontanarsi dal posto di lavoro anche nei periodi di riposo.

 

I Consulenti Angelus sono a vostra disposizione

Chiamali per ogni necessità

Ti è piaciuto questo articolo?
Thank you for rating this article.